Mensa dei Poveri: da venerdì 31° gennaio cambia casa

Per alcuni mesi il servizio sarà organizzato in Largo Don Giulio Rusconi 31 per poi spostarsi definitivamente nella nuova sede della parrocchia San Paolo

Rho, 29 gennaio 2020

Da venerdì 31 gennaio 2020 la “Mensa dei poveri”, attualmente in Via Castelli Fiorenza, sarà trasferita per qualche mese nel centrale Largo Don Giulio Rusconi 31, sempre a Rho.

La decisione è stata presa dall’Amministrazione Comunale per assicurare il tradizionale servizio a persone particolarmente bisognose ed iniziare contestualmente a lavorare nell’area della ex mensa comunale per la realizzazione della nuova piazza del Teatro Civico Roberto de Silva. A dicembre 2019 è stato infatti deliberato dall’Amministrazione il progetto e il corrispondente piano finanziario per realizzare la piazza antistante il Teatro civico de Silva, uno spazio necessario e conseguente al prestigioso edificio in via di costruzione. La piazza sarà realizzata dove si trova l’edificio comunale destinato fino ad oggi alla mensa dei poveri, che sarà demolito e rivisitato come spazio pubblico aperto con alberi, panchine e un arredo urbano in linea con la struttura architettonica del teatro.

"Riteniamo fondamentale garantire i servizi rivolti ai nostri cittadini più fragili – commenta  il sindaco Pietro Romano La struttura di via Castelli Fiorenza necessitava di opere importanti di manutenzione. Abbiamo deciso di procedere diversamente destinando questa area alla piazza. A fronte della demolizione dell’esistente mensa dei poveri però, è stata già individuata la nuova sede nell’edificio della parrocchia San Paolo, una struttura più confortevole ed idonea con maggiori spazi, che permetterà servizi più completi a beneficio delle persone svantaggiate, come ad esempio l’Emporio Solidale sempre in collaborazione con la Caritas. In attesa della predisposizione di questi spazi, la mensa dei poveri è assicurata per qualche mese in largo Don Rusconi”.

Conclude l’Assessore ai Servizi Socio assistenziali Nicola Violante “La mensa garantisce un pasto caldo a una settantina di persone. Grazie a Caritas, che si occupa della distribuzione della cena nella fascia serale, riusciamo ad assicurare il primo livello essenziale di servizio basato sull’alimentazione. Con i volontari e le organizzazioni umanitarie possiamo offrire soluzioni dignitose”.

Il servizio mensa è attivo 365 giorno all’anno nella fascia oraria del pranzo (ore 11.45 – 13.00) e nel periodo da ottobre a marzo, anche nella fascia oraria serale dalle ore 17.45 alle ore 19.00.